I contro dei magazzini tradizionali: perché non sceglierli

  • I contro dei magazzini tradizionali: perché non sceglierli

I contro dei magazzini tradizionali: perché non sceglierli

28 novembre 2018|Gestione magazzino|

Quando l’obiettivo è ottimizzare lead time e costi, i magazzini tradizionali non possono rappresentare la strada corretta.

Modelli di gestione concepiti in altra epoca e con esigenze diverse mal si adattano ai processi produttivi attuali e non possono garantire una risposta competitiva alle dinamiche di mercato.

Vediamo quali sono le principali limitazioni dei sistemi di gestione del magazzino tradizionali.

Magazzino a catasta

Il magazzino a catasta è consigliato solo nel caso in cui la varietà di referenze gestite e la movimentazione dei colli siano minime.
Questo fattore non rende adatto il sistema per prodotti caratterizzati da obsolescenza, che potrebbero rischiare di deteriorarsi nelle parti meno accessibili del magazzino.
Le merci, inoltre, devono necessariamente essere contenute in box regolari e rigidi oppure su pallet, con l’impossibilità, per motivi di sicurezza, di sfruttare lo stoccaggio in altezza.

Magazzino a scaffalatura

Rispetto ad altri sistemi, il sistema a scaffalatura non consente l’ottimizzazione dello spazio in magazzino, in quanto richiede l’inserimento nel layout di corridoi d’accesso e corsie per permettere le manovre e gli spostamenti.
Come per i magazzini a catasta, i tempi di picking, seppur minori, non rendono consigliabile questo sistema di stoccaggio per gestioni caratterizzate da alta movimentazione.

Magazzino Drive-In e Drive-Through

I magazzini drive in o drive through hanno un’efficienza volumetrica e una densità di stoccaggio notevoli, con la possibilità di gestione secondo logiche FIFO e/o LIFO.
I contro di questo sistema risiedono nelle limitazioni relative alle dimensioni delle unità di carico e al numero limitato di referenze stoccabili, condizione essenziale per l’efficienza di questo tipo di sistemi.

Magazzino cantilever

Il magazzino Cantilever permette lo stoccaggio di unità di carico con dimensioni e forme diverse ma rappresenta un sistema competitivo solo per colli di peso elevato e lunghezza consistente come tubi, barre, tavole, ecc.
L’indice volumetrico e superficiale sono bassi ed è richiesta la presenza di un corridoio di accesso agli scaffali.

Magazzino compattabile

Un magazzino compattabile permette una riduzione dello spazio occupato dai corridoi con un indice volumetrico buono.
I principali svantaggi sono relativi alla ridotta flessibilità e selettività, caratteristiche che richiedono particolari considerazioni sia in fase di progettazione che di stoccaggio, in modo da posizionare e stoccare le unità di carico in funzione dei futuri prelievi.

Scaffalature e cassettiere per minuterie

Il principale difetto dei metodi tradizionali di scaffalatura di minuterie tramite cassetti o scaffali è rappresentato dal fattore umano.
Il prelievo a mano e la gestione dei codici può infatti rivelarsi efficiente solo in caso di un basso numero di referenze.

Ad ognuno dei difetti dei sistemi tradizionali elencato in questo articolo, la scienza dell’automazione ha provato a dare una risposta. Oggi è possibile contare su sistemi di gestione automatizzata, sia fissi (magazzini automatici con trasloelevatori) che modulari (magazzini verticali automatici) in grado di rispondere con efficienza alle moderne esigenze di stoccaggio e movimentazione dei magazzini.

Scopri i principali modelli di gestione automatizzati.

Quanto ne sai di magazzini verticali?

Migliorare la gestione delle scorte, aumentare la sicurezza del magazzino, velocizzare le operazioni di inventario… questi e tanti altri sono i vantaggi dei magazzini verticali.

Sai come funzionano? Mettiti alla prova!

Fai il quiz!
Quanto ne sai di magazzini verticali? Fai il quiz!